Casa Verdi

da Verdi a Bramante, 2 km di strade tra storia, sapori e shopping.

casa.verdi-esterno

Casa Verdi

Il 16 dicembre 1899 nella casa di via Manzoni 29 a Milano, Giuseppe Verdi istituisce la Casa di Riposo per Musicisti – Fondazione Giuseppe Verdi “nella quale raccogliere e mantenere persone dell’uno o dell’altro sesso addette all’Arte Musicale, che siano cittadini italiani e si trovino in stato di povertà”.

Unica al mondo nel suo genere, la Casa di Riposo è considerata l’ultimo capolavoro del Maestro di Busseto che dedica a questo progetto gli ultimi due anni della sua vita, prima di morire nel 1901 a 88 anni.

Per raccontare la storia di Casa Verdi ci rifacciamo al testo che Lorenzo Arruga, critico musicale oltre che regista e librettista, ha scritto per la pubblicazione Il riposo dell’artista – La “Casa Verdi” di Milano edito dal Touring Club Italiano nel 2002.

Casa Verdi

“Casa Verdi”. La chiamano così, da sempre. Niente “Casa di Riposo per Musicisti”, anche se quel “riposo”, voluto proprio da Verdi è così intenso e geniale; niente parole come istituzione, fondazione, istituto. Semplicemente “Casa Verdi”, come abitasse lì, come se chi va in quel luogo lo potesse incontrare. E lì è sepolto. C’è la cripta, solenne e un po’ del gusto che riesce a essere insieme austero e quasi sovrabbondante, che è del poeta e librettista Boito e anche di suo fratello Camillo, architetto di questo palazzo.

Qualcosa di severo e di sontuoso, di non perfetto, ma di ordinato e simbolico, che è un po’ il segno del teatro d’opera, e viene voglia, entrando, di saper cantare l’opera per poter pregare così, come faceva lui, laico e dubbioso ma costretto ad ammettere la necessità  di pregare proprio mentre faceva cantare.
Verdi è lì, morto, con accanto la sua sposa Giuseppina Strepponi. Un’indiscrezione che nasce da qualche confidenza dei discendenti del Maestro insinua che lui avesse pensato di aver tomba nella villa amatissima a Sant’Agata; e che poi, dopo aver scelto il nuovo luogo definitivo dell’ultimo riposo, avesse spiegato ai parenti: “Vi tolgo il fastidio di troppa gente che verrebbe a visitarmi da morto a casa vostra!”.

A Milano sanno tutti dov’è Casa Verdi. Chi non lo sa, è uno che viene da fuori, e se lo chiede a un passante, riceve pronta risposta. Quasi curioso questo fatto, che con tanta naturalezza un’iniziativa, un’istituzione, un luogo, una comunità , si siano inseriti familiarmente nell’esistenza di una città  dura e spesso indifferente come Milano.
Qualcosa di radicato, dentro la storia irrinunciabilmente. Pare che lo confermino i sondaggi, sui luoghi e sulle cose riconoscibili dei milanesi. Ma basta abitare a Milano per esserne sicuri. Si entra e si sente la storia che non invecchia. La modernità , l’aggiornamento, insomma la moda invecchiano. Le cose motivate, che esprimono una ragione buona, un’intelligenza concreta, un’occasione grande, vivono, proprio per quel che sono e senza uscire da un’immagine legata al loro tempo, la continuità  della storia.

Lì, in quel bell’ambientone ottocentesco, con le finestre grandi e gli spazi ampi, con i mobili che ci ricordano a volte quelli che abbiamo sempre visto nelle nostre case da generazioni, ma con qualcosa di importante, di intimo e solenne, ci si trova a proprio agio. Come in una casa della memoria che vorremmo lasciar sempre intatta, custodirla, con affetto.

casa-verdi-interno

Visitare Casa Verdi

Innumerevoli sono i visitatori, più o meno illustri, che hanno varcato l’ingresso di Casa Verdi: dai musicisti ai cantanti che si sono esibiti in concerto, dai politici ai religiosi che hanno voluto porre omaggio al Maestro Verdi e alla sua istituzione, fino ai parenti e amici degli ospiti della Casa di Riposo.

Una visita a Casa Verdi è un’esperienza irripetibile. Ci si immerge nei ricordi di una residenza che ha mille vite da raccontare: non solo quella di Giuseppe Verdi e sua moglie con i loro oggetti personali, gli arredi, le collezioni d’arte e le rispettive tombe, ma anche quelle di tutti gli ospiti che qui hanno vissuto in oltre un secolo di storia.

Indirizzo e orari di apertura

Casa di Riposo per Musicisti Giuseppe Verdi
Piazza Buonarroti, 29 Milano
Tel. +39 02 4996009
E-mail: info@casaverdi.it

Il centralino è a disposizione degli Ospiti per informazioni tutti i giorni, compresi quelli festivi, dalle ore 8,15 alle ore 20,30 ai seguenti numeri telefonici:
+39 02 4996009 oppure +39 02 48006100.

La cripta di Verdi è visitabile dalle 8.30 alle 18.00.
Le Sale museali e il Salone d’Onore sono visitabili solo su prenotazione da parte di gruppi di visitatori.
Non è richiesto un ingresso a pagamento, ma è gradita un’offerta.

Visita il sito di Casa Verdi e scorpi tutti gli incontri e gli eventi disponibili.
http://www.casaverdi.org

Condividi questo post :-)Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest

Iscriviti alla nostra Newsletter

Dal Blog

Teatro Nazionale Milano

Teatro Nazionale Milano

Sito in via Giordano Rota al numero uno, fu costruito...
DesignCircus Stationary in Marghera

DesignCircus Stationary in Marghera

In occasione della Design Week, DesignCircus presenta DesignCircus Stationary. Dal...
Santa Maria delle Grazie

Santa Maria delle Grazie

La chiesa di Santa Maria delle Grazie è una basilica...